Claudio Mattutino

Nov 292016
 

Buongiorno,
sperando di fare utile prevenzione, vi segnalo un pericolo al momento presente sulla rete.

E’ notizia di questa settimana che le piattaforme Facebook e Linkedin sono oggetto di un attacco volto alla diffusione, attraverso immagini via chat, del temuto Ransomware Locky.
Sebbene non sia stata ancora dichiarata la vulnerabilità dalle piattaforme, si sono verificati già numerosi casi nel mondo di persone che si sono viste inviare da amici o sconosciuti delle immagini, prima attraverso svg files, ora anche jpg, che una volta aperte innescano l’esecuzione del ransomware fino al completamento della cifratura dei file del malcapitato.

Si tratta di immagini compromesse e che non vengono automaticamente aperte nel browser ma per le quali si richiede l’apertura dell’immagine stessa dopo il download.

Vi invito quindi a porre attenzione in caso riceveste files di questo tipo e a verificare con il mittente l’eventuale autenticità del file.

Per chi volesse approfondire l’argomento:

Beware! Malicius JPG Images on Facebook Messenger Spreading Locky Ransomware

Locky

Jun 102016
 

A seguito dell’aggiornamento obbligatorio del certificato digitale in via di scadenza, che è a protezione del sistema di posta elettronica, può accadere che programmi di posta, in particolare thunderbird, durante l’accesso o la spedizione di messaggi, lamentino che la connessione non è sicura, poichè il certificato digitale “nuovo” non è correttamente verificabile.

Se ciò accade, salvate l’allegato a questa email, e importatelo all’interno del programma di posta, nell’elenco delle Certification Authority riconosciute e valide. In un thunderbird recente questo si può fare dal menu

Strumenti -> Opzioni -> Avanzate -> [Tab] Certificati -> Mostra certificati -> [Tab] Autoritá -> Importa

si seleziona il file in allegato e alla richiesta di abilitarlo, si spuntano tutte e tre le caselle e si conferma la scelta.

Successivamente a questa semplice operazione, la spedizione e ricezione dei messaggi avverrà senza alcun altro messaggio di allarme.

NB: Il certificato attuale è ancora quello “vecchio” per consentire a tutti di attuare le istruzioni di cui sopra prima del 14/6/2016, data in cui provvederemo al cambio effettivo, al cui seguito potranno verificarsi gli scenari descritti. Il consiglio comunque è di procedere all’operazione descritta, così al cambio di certificato non si verificheranno avvisi e/o disservizi.

Grazie della collaborazione.

Dec 112015
 

 Istruzioni per l’installazione:

Prima di tutto vi consigliamo di rimuovere le stampanti ormai dismesse dal Dipartimento, in particolare Fotodida2 e Fotocol.

Quindi seguite le istruzioni passo passo a seconda del vostro sitema operativo.

Windows 7/8

MacOS

Linux


Windows 7/8

Per installare la nuova stampante a colori su sistemi Windows bisogna eseguire i seguenti passi.

  1. Dal pulsante “Avvia” (“Start” o dalla dashboard iniziale) selezionare la voce “Dispositivi e Stampanti
  2. Dalla finestra selezionare il tasto “Aggiungi stampante
    foto01
  3. Nella finestra “Aggiungi stampante” interrompere la ricerca automatica e selezionare la voce “La stampante desiderata non è nell’elenco
    foto02
  4. A questo punto selezionare l’opzione “Seleziona stampante condivisa in base al nome” e aggiungere nella text area “\\printercluster\Fotocol1” come da immagine
    foto03
  5. Il PC dopo aver individuato la stampate e scaricato i drivers dal server di stampa finalizzerà l’installazione della nuova stampante
    foto04
  6. Quindi l’installazione risulterà terminata e sarà possibile impostare eventualmente la stampante come predefinita

 

MacOS (AGGIORNATO 16/01/2017)

Chi possiede un computer con questo sistema operativo, può utilizzare il server di stampa “olaf”, per installare le stampanti dipartimentali e stampare, senza necessità di cercare i driver, che vengono automaticamente distribuiti dal server.

  1. Le stampanti sono automaticamente disponibili attraverso Bonjour, con il nome “<Codadistampa>@olaf”, tra le stampanti visualizzate dall’applicazione “Preferenze di Stampa” del sistema operativo.
    printers
  2. NOTA BENE: come per le altre stampanti condivise, alla prima stampa verranno richieste le credenziali di autenticazione per stampare. Dal momento che le stampanti si trovano sul dominio di Dipartimento, le credenziali da utilizzare sono:
    • Nome utente:
      • Per versioni di Mac OsX precedenti alla 10.7 (Lion) DIPINFO\<login di dipartimento>
      • Per Lion e successive: <login di dipartimento>
    • Password: password di dipartimento

  3.  Di default la periferica è configurata per stampare in B/N. Per attivare la stampa a colori seguire le seguenti indicazioni:
    1. Nella finestra di dialogo per la stampa (CMD+P), nella visualizzazione dettagliata, selezionare la voce “Caratteristiche Stampante”
    2. In entrambi i menu a tendina chiamati “Selezione Colore”, selezionare la voce “Quadricromia”

 


Linux

WORK IN PROGRESS

Jan 242014
 

Buongiorno,
in linea con le indicazioni della direzione, la stampante 4 (ric4/dida4/Ricerca4/Didattica4) è stata rimossa.

Quindi vi invitiamo a rimuovere le code relative alla vecchia stampante e a utilizzare quelle delle stampanti nuove, disponibili secondo gli standard già consolidati per i vari sistemi operativi.

Grazie della collaborazione.

May 242012
 

Buongiorno a tutti,
nell’ambito della promozione della attività del Dipartimento si vuole portare all’attenzione di tutti che è possibile segnalare lavori, premi, promozioni o altri successi della propria ricerca, o della nostra struttura, attraverso i canali social del Dipartimento.

Come già alcuni professori e ricercatori hanno fatto in occasioni di loro interviste o servizi, su portali, riviste generaliste o di settore, è sufficiente segnalare il link della risorsa in oggetto a

socialnetworks@di.unito.it

in qualità di RIF per i social networks.

Grazie per la collaborazione.

May 262011
 

Nel corso del pomeriggio si stanno riscontrando alcuni problemi con varie versioni di Skype e diverse versioni: Windows, Linux e Mac.

Di seguito riportiamo la procedura per risolvere il disservizio e il link della pagina ufficiale Skype.

A small number of you may have had problems signing in to Skype. This predominantly affects people using Skype for Windows. We have identified the problem and will issue a fix in the next few hours.

In the meantime, you can follow the steps below to fix the problem manually.

Windows

  1. Click Start, type run and press Enter. (On Windows XP: Click Start and then Run.)
  2. Type the following and click OK.
  3. %appdata%\skype

  4. Locate and delete the file shared.xml.
  5. If you cannot find this file:
    1. Click Start, type run and press Enter. (On Windows XP: Click Start and then Run.)
    2. Type the following and click OK.
    3. control folders

    4. In the View tab, ensure that Show hidden files and folders is enabled.
    5. Repeat steps 1-3.
  6. Restart Skype.

Mac

  1. Open Finder and locate the following folder:
  2. ~/Library/Application Support/Skype

  3. Delete the file shared.xml.
  4. Restart Skype.

Please note that the ~ sign means your home folder. You can find your home folder by opening Finder and selecting Go > Home from the menu bar or pressing Command (Apple), Shift and H keys at the same time.

Linux

  1. Go to the following folder:
  2. /home/YourLinuxUserName/.Skype

  3. Delete the file shared.xml.
  4. Restart Skype.

Remember: The Skype folder is a hidden folder – please check Show hidden files in your file browser to view and access it.

http://heartbeat.skype.com/2011/05/problems_signing_into_skype_an.html

May 252011
 

 

Buongiorno,
a partire dal 18 marzo è necessario verificare (e sostituire se necessario) le code di stampa impostate sui propri computer (desktop/portatili o server).
Dal 4 aprile infatti non sarà più disponibile il servizio di stampa (protocollo smb/samba) tramite i server CARONTE e PIANETA, che sarà erogato esclusivamente dall’host PRINTERCLUSTER.

Ad es. \\printercluster.dipinfo.di.unito.it\<nomedellastampante>

Quindi, se prima utilizzavate ad esempio la Ricerca4 con \\caronte\ricerca4, questa ora diventa \\printercluster.dipinfo.di.unito.it\ricerca4.

Per chi non disponesse di macchine dipartimentali Windows (la cui configurazione è automatica), riportiamo anche i modelli specifici per ogni coda in modo da identificarne i drivers opportuni.:

  • Fotocol – Konica Minolta Bizhub C350
  • Fotodida1/2 – Konica Minolta Dialta Di3510
  • Ricerca3/Didattica3 – HP LaserJet 9050dn
  • Ricerca4/Didattica4 – HP LaserJet 9000
  • Ricerca5/Didattica5 – Ricoh Aficio AP610N
  • Ricerca6/Didattica6 – Ricoh Aficio AP610N

 

Vi ricordiamo di specificare correttamente l’autenticazione sulla stampante secondo il modello: DIPINFO\<utente>.

Gli utenti della Biblioteca e della Segreteria Amministrativa non sono coinvolti da questa operazione e nessuna operazione è richiesta loro.

IMPORTANTE: coloro che utilizzano sistemi Linux o MacOS sono invitati a verificare di non abilitare sulle loro macchine la condivisione delle code di stampa , al fine di evitare spiacevoli disguidi sulla contabilizzazione delle stampe (tale condivisione permette difatti ad altri utenti di stampare attraverso queste code “non ufficiali” addebitando le stampe all’utente “sbadato”…).

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Grazie della collaborazione

instagram takipci hilesi instagram takipci escort bayan escort bayan ankara escort escort izmir bayan
ege