Jan 232015
 

Di seguito una comunicazione pervenuta nell’ambito dell’accordo tra il Dipartimento e l’azienda VMWARE:

VMware Academic Program is growing thanks to your support and commitment.

VMware continues to strive to provide the most relevant offerings available to you and your users via the VMAP catalog.

In 2014 we launched the following products.

·         VMware Fusion 7 Pro (available since September 10, 2014)

·         VMware Player 7 Pro (available since December 12, 2014)

·         VMware Workstation 11 (available since December 12, 2014)

With the above launch the following offerings will be retiring from the program (available until the end of March, 2015)

·         Fusion 3

·         Fusion 4

·         Fusion 5

·         Workstation 7

·         Workstation 8

·         Workstation 9

·         Player 5

Se (e solo se) siete utenti di uno dei prodotti qui sopra elencati in corsivo, sarà necessario provvedere al loro aggiornamento, scaricando dal sito della vmware (l’indirizzo è reperibile nella intranet di dipartimento)  il nuovo software e le relative licenze prima del mese di aprile.

Buon lavoro.

Dec 022014
 

Buonasera,

oggi è stato aggiornato il server di webconferencing che eroga le stanze virtuali “Dipinfo Rooms”.

La versione aggiornata è molto più versatile ed ha una interfaccia parzialmente ridisegnata nell’ottica della semplificazione delle operazioni per chi gestisce la stanza.

 

Buon lavoro,

Servizi ICT

Dec 012014
 

Buongiorno,

dopo diversi mesi di sviluppo e testing, riteniamo ora pronto per l’uso un nuovo servizio dipartimentale orientato alla archiviazione/condivisione di file : DataCloud.

Il servizio è molto simile ai file-locker che già tutti conosciamo e che si chiamano DropBox, GoogleDrive, OneDrive e si compone di due interfacce:

  • un servizio web  (https://datacloud.di.unito.it) con cui gestire il proprio account o accedere ai propri file in assenza di un dispositivo personale preconfigurato;
  • un software (scaricabile tramite il servizio web) per la sincronizzazione automatica di cartelle sul proprio dispositivo (tutti i più importanti sistemi operativi sono supportati: Windows, MacOs X, IOS, Android, Linux) con il repository remoto; alcuni di essi sono a pagamento a meno di 1 euro, ma esistono comunque alternative gratuite.

Una volta installato il software di sincronizzazione, il vostro PC (per i mobile la politica è differente) avrà una copia integrale di tutti i vostri documenti e questa copia sarà mantenuta allineata con il repository centrale e tutti gli altri nodi che collegherete al datacloud. Per questo motivo, per natura stessa del servizio, non è previsto un meccanismo di backup di questi dati, che sono però archiviati su un sistema ad elevata affidabilità (raid5 + doppia fibra ottica).

Il servizio fornisce inizialmente a ciascuno 60GB di spazio disco più un certo numero di altri servizi a contorno, calendari, versioning dei file, editing on-line di documenti anche complessi, condivisione di cartelle e file con altri membri del dipartimento e – tramite link web – con chiunque  vogliate collaborare.

 

A disposizione per ulteriori chiarimenti,

buon lavoro.

 

Nov 132014
 

Buongiorno,
al momento SCONSIGLIAMO vivamente il passaggio a Yosemite (Mac OsX 10.10) a causa di alcuni problemi nell’uso delle connessioni “smb://”.
L’effetto primario dell’aggiornamento è l’impossibilità di accedere alla propria area di pianeta agganciandolo direttamente come filesystem della macchina OsX; al momento non siamo a conoscenza di workaround per quello che sembra essere un problema specifico del nuovo sistema operativo della Apple.

La problematica è costantemente sotto attenzione da parte del ServizioICT e, qualora la problematica venga risolta, sarà nostra cura farvi partecipi della soluzione.

Buon lavoro.

Nov 132014
 

Buongiorno,
vi chiediamo alcuni minuti di tempo per leggere quanto sotto, al fine di evitare disservizi e problemi nella lettura della posta dipartimentale.
Come forse alcuni sanno, il protocollo di sicurezza SSL è ormai in via di abbandono a causa di una vulnerabilità indipendente dalla implementazione (cfr. http://en.wikipedia.org/wiki/POODLE ). Il protocollo in questione (che è uno dei protocolli alla base dei servizi sicuri, come per es. https) è già stato disabilitato da tutti i nostri server web, modifica che non comporta alcuna azione sui browser, i quali automaticamente utilizzano alternative sicure e garantite come il protocollo TLS.

Purtroppo il protocollo SSL è ampiamente utilizzato anche nel contesto dei software di lettura della posta elettronica (es. thunderbird, outlook, mail di OSX) che contattano il server SMTP, IMAP o POP sui canali sicuri smtps, imaps e pop3s, protocolli che sui nostri server dipartimentali saranno definitivamente abbandonati a partire dal 1/1/2015.

Da diverso tempo è disponibile l’alternativa, ovvero imap/tls e pop3/tls che forniscono lo stesso livello di funzionalità; pertanto a ciascun utente è richiesto di verificare entro il 31/12/2014 le impostazioni del proprio account e di allinearle con le nostre indicazioni, che trovate alla url https://www.di.unito.it/thunderbird. Anche se gli screenshot sono quelli di thunderbird, non vi sarà difficile estrapolare i dati e le impostazioni significative, che per comodità vi riporto qui di seguito:

Server in uscita:

  • protocollo: SMTP/TLS (STARTTLS)
  • host: mail.di.unito.it
  • porta: 587
  • login e password OBBLIGATORI e coincidenti con le credenziali di dipartimento (spesso i client di posta suggeriscono di usare le credenziali imap: è una alternativa valida)

Server in ingresso:

  • protocollo: IMAP/TLS (STARTTLS)
  • host: mail.di.unito.it
  • porta: 143
  • login e password OBBLIGATORI e coincidenti con le credenziali di dipartimento

In caso di necessità particolari (ma non è la nostra scelta consigliata), si può usare in alternativa

  • protocollo: POP3/TLS (STARTTLS)
  • host: mail.di.unito.it
  • porta: 110
  • login e password OBBLIGATORI e coincidenti con le credenziali di dipartimento
Sep 022014
 

La AEM ci comunica il distacco programmato dell’energia elettrica dalle ore 8.00 alle ore 12.00 di DOMENICA 9 SETTEMBRE 2014.

Vista la durata del distacco, non sarà possibile erogare i servizi informatici, che verranno pertanto spenti nella mattinata di domenica e ripristinati al riallaccio dell’utenza.

Servizi ICT – Dipartimento di Informatica

Aug 132014
 

Purtroppo siamo stati nuovamente oggetto di un distacco dell`energia elettrica e la cabina di media tensione (22KV) ha sganciato la connessione.

Solo nella giornata di martedì siamo riusciti ad intervenire e a ripristinare con la dovuta cautela l’energia elettrica ed i servizi informatici.

Anche questa volta però dobbiamo annoverare dei caduti e quindi al momento NON sono disponibili i servizi:

  • Datacloud e Thunderbird DL (big email attachments)
  • Aula POSTEL e BABBAGE

a cui si aggiunge un monitor di servizio della sala macchine.

Al rientro dalla chiusura del Dipartimento i guasti saranno oggetto della massima priorità, ma al momento non siamo in grado di fornire date certe per il ripristino dei servizi.

ing. Rabellino

Apr 152014
 

Su indicazione della Direzione, sono stati acquistati 2 nuovi videoproiettori portatili dipartimentali.

Si tratta di 2 OPTOMA PICO PK-320 dotati di batteria, caricabatteria, telecomando e cavo VGA.

Le due unitá  sono a disposizione presso la portineria e devono essere prenotate tramite il consueto sistema web di prenotazione delle risorse (sezione proiettori : identificati con nome VideoDip1 e VideoDip2).

Buon lavoro.

instagram takipci hilesi instagram takipci deri mont evden eve nakliyat istanbul escort escort izmir