Dec 022014
 

Buonasera,

oggi è stato aggiornato il server di webconferencing che eroga le stanze virtuali “Dipinfo Rooms”.

La versione aggiornata è molto più versatile ed ha una interfaccia parzialmente ridisegnata nell’ottica della semplificazione delle operazioni per chi gestisce la stanza.

 

Buon lavoro,

Servizi ICT

Dec 012014
 

Buongiorno,

dopo diversi mesi di sviluppo e testing, riteniamo ora pronto per l’uso un nuovo servizio dipartimentale orientato alla archiviazione/condivisione di file : DataCloud.

Il servizio è molto simile ai file-locker che già tutti conosciamo e che si chiamano DropBox, GoogleDrive, OneDrive e si compone di due interfacce:

  • un servizio web  (https://datacloud.di.unito.it) con cui gestire il proprio account o accedere ai propri file in assenza di un dispositivo personale preconfigurato;
  • un software (scaricabile tramite il servizio web) per la sincronizzazione automatica di cartelle sul proprio dispositivo (tutti i più importanti sistemi operativi sono supportati: Windows, MacOs X, IOS, Android, Linux) con il repository remoto; alcuni di essi sono a pagamento a meno di 1 euro, ma esistono comunque alternative gratuite.

Una volta installato il software di sincronizzazione, il vostro PC (per i mobile la politica è differente) avrà una copia integrale di tutti i vostri documenti e questa copia sarà mantenuta allineata con il repository centrale e tutti gli altri nodi che collegherete al datacloud. Per questo motivo, per natura stessa del servizio, non è previsto un meccanismo di backup di questi dati, che sono però archiviati su un sistema ad elevata affidabilità (raid5 + doppia fibra ottica).

Il servizio fornisce inizialmente a ciascuno 60GB di spazio disco più un certo numero di altri servizi a contorno, calendari, versioning dei file, editing on-line di documenti anche complessi, condivisione di cartelle e file con altri membri del dipartimento e – tramite link web – con chiunque  vogliate collaborare.

 

A disposizione per ulteriori chiarimenti,

buon lavoro.

 

May 232014
 

È stato comunicato che il sistema di posta elettronica del PERSONALE di ATENEO è in fase di dismissione a brevissimo termine a favore del servizio di posta di GOOGLE: cosa significa ?

Significa che i messaggi indirizzati a nome.cognome@unito.it saranno gestiti da GOOGLE (gmail) e pertanto sarà necessario modificare le impostazioni dei propri software di posta per poter continuare a leggere le mail inviate all’account @unito.it.

Di seguito alcune prime indicazioni, a cui faranno seguito ulteriori messaggi:

  • Molti di noi hanno impostato il forward automatico delle mail da @unito -> @di.unito.it, ma questa impostazione NON sarà migrata, per cui si renderà necessario almeno reimpostare il forward, se si ha intenzione di mantenere lo status-quo.
  • Un’altra novità importante è che ciascuno di noi ha un nuovo set di credenziali, chiamate in gergo GSCU (ovvero le SCU di google), dove il login è il login SCU seguito da @unito.it, es. SCU=yourname  -> GSCU=yourname@unito.it, ma le password differiscono e devono essere impostate ex-novo tramite la intranet di ateneo.
  • Da subito trovate le istruzioni su come collegarsi alla nuova posta sulla intranet di ateneo, ma solo dal 9 GIUGNO 2014 le utenze associate al personale del Dipartimento di Informatica saranno effettivamente funzionanti sul nuovo sistema di posta, con gli eventuali messaggi migrati sul nuovo sistema.
  • Unitamente alla posta saranno attivi anche i servizi di gDrive e gCalendar.

È importante sottolineare che:

  • NULLA CAMBIA PER LA POSTA DIPARTIMENTALE, ovvero @di.unito.it, e nulla cambierà nemmeno nel futuro a breve/medio termine.
  • Essendo la posta elettronica di Ateneo un servizio erogato dalla DSPO (Direzione Sistemi Informativi/Portale/Orientamento) di cui NON abbiamo alcuna visibilità in merito alla gestione amministrativa, eventuali problemi nel suo utilizzo devono essere indirizzati al supporto fornito dalla dspo stessa, e non tramite il nostro consueto servizio di helpdesk; pertanto potremo essere di aiuto solo in qualità di utenti.

Come anticipato, seguiranno ulteriori comunicazioni e chiarimenti in merito a questa migrazione, ma mi sembrava opportuno cominciare a sollevare l’attenzione sul cambiamento in atto, in modo da arrivare pronti al 9/6 p.v. e limitare i rischi di disservizio.

Buon lavoro.

Mar 242014
 

Buongiorno,

il software del servizio di helpdesk dipartimentale
(https://www.di.unito.it/helpdesk) è stato aggiornato oggi. Sono stati
fatti un buon numero di bug-fix  e soprattutto rivisto il ciclo di
vita della richiesta e delle mail di servizio.

Le vecchie richieste ancora non completate sono raggiungibili all’indirizzo  https://www.di.unito.it/helpdesk_old.

Grazie della collaborazione

Mar 182014
 

È ora disponibile nella intranet dipartimentale la nuova webmail con installato uno skin di tipo “responsive”, che si adatta automaticamente riconoscendo se state utilizzando un computer desktop, un tablet o uno smartphone.
Questo dovrebbe consentire una migliore e più semplice consultazione in particolar modo dagli apparati mobile.

Nella versione presentata ai browser su apparati “desktop” è presente anche la funzione sviluppata in-house dal Servizio ICT “backup della posta” che consente lo scaricamento dei messaggi in un formato compatibile con l’archiviazione su CD/DVD.

Nuova url:  https://www.di.unito.it/wm2014

In caso di problemi, utilizzate l’helpdesk per segnalare i malfunzionamenti.

Grazie della collaborazione.

Jan 212014
 

Con gli ultimi aggiornamenti di Java (1.7.0_51) le policy di esecuzione delle applet nei browser subiscono nuove e più stringenti restrizioni.

Per consentire l’uso di applicazioni basate su Java ed erogate dai sistemi dell’Ateneo, abbiamo predisposto una soluzione che consente un deploy immediato e semplificato, al fine di limitare l’impatto gestionale sui sistemi di Ateneo, in particolar modo aule e sistemi amministrati.

1) Scaricare lo zip contenente i file cacerts e DeploymentRuleSet.jar da qui: FileSet e decomprimere il contenuto in una cartella temporanea

2) Sovrascrivere il file cacerts nella cartella di installazione della virtual machine ( cambia a seconda dei sistemi operativi)

  • Windows 32bit: java.home\lib\security\ (es. C:\Programmi\Java\jre7\lib\security)
  • Windows 64bit – Java 32bit: java.home\lib\security\ (es. C:\Programmi (x86)\Java\jre7\lib\security)
  • Windows 64bit – Java 64bit: java.home\lib\security\ (es. C:\Programmi\Java\jre7\lib\security)
  • UNIX: java.home/lib/security/  (es. /usr/java/jre7/lib/security)
  • Mac OS X java.home/lib/security (es. /Library/Java/Home/lib/security)

3) Copiare il file DeploymentRuleSet.jar nella cartella di sistema (create le cartelle se non esistono!)

  • Windows <Windows-directory>\Sun\Java\Deployment  (es. c:\Windows\Sun\Java\Deployment )
  • UNIX /etc/.java/deployment
  • Mac OS X /Library/Application Support/Oracle/Java/Deployment/

4) A questo punto l’esecuzione delle applet provenienti dai siti di ateneo saranno correttamente autorizzate e non verranno più chieste autorizzazioni specifiche.

4bis) Può accadere che nonostante tutto il ruleset venga dichiarato come non verificabile, allora (windows-only) aprire il  pannello di controllo di java -> avanzate, impostare “esegui controlli revoche certificati su” sul valore “non controllare”

Buon lavoro

Jul 052012
 

Buongiorno,

da oggi è disponibile il nuovo servizio DipinfoPad, un editor di testo collaborativo in tempo reale, molto simile a quanto offerto da GoogleDocs e basato sul software opensource Etherpad (http://etherpad.org).

Gli utenti del Dipartimento possono utilizzare DipinfoPad collegandosi alla intranet dipartimentale e cliccando sul link riportante il nome del Servizio (che al momento è sperimentale). Una volta inserite le credenziali dell’utente sarà possibile gestire i propri “pad” e per invitare altre persone a collaborare sul documento sarà sufficiente inviare loro la URL del pad e senza ulteriori autenticazioni/autorizzazioni si entrerà in comunicazione sullo stesso documento.

Buon lavoro.

May 242012
 

Buongiorno a tutti,
nell’ambito della promozione della attività del Dipartimento si vuole portare all’attenzione di tutti che è possibile segnalare lavori, premi, promozioni o altri successi della propria ricerca, o della nostra struttura, attraverso i canali social del Dipartimento.

Come già alcuni professori e ricercatori hanno fatto in occasioni di loro interviste o servizi, su portali, riviste generaliste o di settore, è sufficiente segnalare il link della risorsa in oggetto a

socialnetworks@di.unito.it

in qualità di RIF per i social networks.

Grazie per la collaborazione.

May 072012
 

L’accesso ai dati degli utenti di biblioteca,segreteria amm., segreteria did. e area comune di segreteria è stato ripristinato.
Potrete accedere tramite web dalla pagina dei servizi riservati del dipartimento con il nuovo software

https://www.di.unito.it/webftp

Inserendo le proprie credenziali di dipartimento e selezionando come server “vm-dfs1“, per accedere ai dati sul server amministrativo. Ovviamente le cartelle sono navigabili in base ai diritti di accesso personali.

Come sempre in caso di problemi, contattateci tramite helpdesk.

May 022012
 

In accordo con il Direttore, è disponibile una nuova policy per vincolare le liste a ricevere messaggi esclusivamente da mittenti dei domini

(*.)unito.it e (*.)unipmn.it

I gestori delle liste possono selezionare la policy tramite l’interfaccia web, dal menu “Sending/receiving setup”->”Restricted to UNITO OR UNIPMN domain”.

Questa politica è stata già applicata alle liste dip/avvisi/bakeka@di.unito.it.

instagram takipci hilesi sosyolite.com instagram takipci hilesi izmirescort instagram followers escort bayan escort bayan